Archivi categoria: beauty

contenitore generale

Unguento Riparatore Pelle (burro montato)

Standard

Eccomi qui di nuovo…scusate l’assenza, ma il trasloco, la vita (nuovamente) fuori sede e un intervento chirurgico mi hanno tenuta lontana da qui.

Vi scrivo a proposito del mio intervento che mi ha lasciato come ricordino una cicatrice che adesso cerco di trattare per fare in modo che si “invisibilizzi” prima possibile. Mi hanno proposto le più svariate creme in farmacia (vedi rilastil et.al) ma niente mi ha convinto veramente. Così ho pensato di realizzare il mio unguento riparatore con degli attivi sicuri, senza profumi, coloranti e sensibilizzanti vari, dato che ho la pelle chiarissima e molto sensibile, voglio evitare ulteriori problemi sulla cicatrice fresca.

Ho preparato un burro montato che contiene burro di karitè, olio di jojoba, olio di mandorle dolci e olio di germe di grano. Questi ingredienti sono ormai ampiamente noti per le loro proprietà idratanti, elasticizzanti e rigeneratrici della pelle. Sono capaci di nutrirla, mantenerla morbida, quindi flessibile, riducono i segni del tempo. Messi insieme sono un vero elisir di bellezza. Questo unguento può essere usato sul contorno occhi inumidito ( o insieme a gel di aloe), sulle smagliature vecchie o sul pancione gravido, sulle macchie da scottatura, sulle cicatrici e sui segni dell’acne. Il top sarebbe stato aggiungere anche l’olio di rosa mosqueta che ha proprio la capacità di cancellare i rossori e le cicatrici (anche vecchie), ma non lo avevo in dispensa.

Sono tutti dei prodotti facilmente reperibili nei supermercati (marche comuni:Provenzali, Forsa, Athena’s Erboristica etc.), vi basterà procurarvi uno sbattitore elettrico e un contenitore bel pulito dove riporre il vostro preparato. E’ importante che sia completamente asciutto, in quanto l’acqua accelera il processo di irrancidimento dei grassi. Io ho utilizzato un vasettino in vetro riciclato da una confezione di marmellata monodose.

La regola base per un burro montato è utilizzare un 50% di burri (qualsiasi voi vogliate, anche più di uno) e un 50% di oli ( qualsiasi voi vogliate, anche piu di uno)

Ingredienti:

–  15gr di burro di karitè

– 5 gr di olio di mandorle dolci

– 5 gr di olio di jojoba

– 5 gr di olio di germe di grano

Ho sciolto in una ciotolina a bagnomaria il burro di karitè, una volta liquefatto ho aggiunto tutti gli oli e riposto la ciotola in freezer per circa 10 minuti (deve formarsi un anello solido bianco vicino alle pareti della ciotola). Dopo ciò ho montato il tutto con le fruste elettriche per 4-5 minuti e riposto nuovamente in freezer. Ho ripetuto questa serie di operazioni 4 volte, fino a quando ho ottenuto un composto spumoso, soffice e bianca …quasi fosse panna montata.

Ho travasato tutto nel mio barattolino di vetro e conservato in frigo per altre 2h in modo da fare assestare per bene (visto il caldo) l’emulsione.

That’s all.

Lo utilizzo 3 volte al giorno: ne prendo una puntina con le dita e insieme a una goccia di gel di aloe ( che essendo acquoso aiuta a veicolare gli attivi nella pelle, altrimenti la seccherebbero) massaggiandolo sulla cicatrice fino a completo assorbimento. Il gel di aloe potrebbe essere inserito direttamente nella lisa degli ingredienti, aggiungendolo dopo aver montato il preparato la prima volta, ma io ho preferito di no. Evitando il gel di aloe (a base d’acqua velocizza l’irrancidimento dei grassi) non è stato necessario aggiungere all’unguento dei conservati, in modo da renderlo più delicato. Ho sempre del gel di aloe a casa, quindi lo aggiungo “fresco” in fase di applicazione.

Prolungherò questo trattamento per almeno 3 mesi.

Annunci

Dupe low cost di “snob” di MAC

Standard

Snob è uno dei rossetti satìn, della gamma permanente di MAC, tra i più discussi. E’ un rosa con sottotono ciclamino, con finish opaco, che non si adatta allo stesso modo a tutte le carnagioni.

snob di MAC *

snob di MAC *

E’ una tonalità che mi piace moltissimo, ritengo che sulle ragazze dalla pelle e capelli chiari (come me) doni un aspetto chic sofisticato da giorno; sulle ragazze dalla pelle olivastra e più scura credo che sia da usare la sera con dei look strong da “clubbing”.

tono caldo -  tono freddo *

tono caldo* – tono freddo *

Proprio per questa difficoltà nell’adattarlo all’incarnato spesso si è diffidenti nell’acquistarlo a scatola chiusa (spesso online), e il prezzo dei rossetti MAC non è per tutte le tasche, quindi sono partita alla ricerca di un rossetto che possa avvicinarsi a Snob.

Credo di averlo trovato, almeno, ritengo che sia molto simile l’effetto sul mio colore di labbra / incarnato: si tratta di Violet Friday della Linea Permanente Color Trend di Avon. I rossetti di questa linea, completamente rinnovata di recente, si chiamano Kiss ‘n Go, ne possiedo diversi e li promuovo tutti in durata e pigmentazione, prossimamente dedicherò a loro un post, ma ritorniamo all’oggetto del nostro discorso:

con flash - con luce naturale*

con flash(non spaventatevi!) – con luce naturale*

Il packaging ricorda quello dei rossetti di elf vecchia maniera, l’astuccio è bianco con la serigrafia del marchio e dalla fascetta trasparente centrale è possibile riconoscere il colore.

Il prezzo è di circa 6€, ma io l’ho acquistato in offerta a 2,50€  (Avon ripropone spesso offerte promozionali del genere)

La reperibilità è correlata alla possibilità di avere una rappresentante Avon a portata di mano, potete ricercare sul sito ufficiale di Avon quella più vicina a voi.

205 - violet friday -714

205 – violet friday -714

Riesco a sfruttare il sottotono violaceo se uso come base la matita di kiko della linea smart num. 205  oppure esalto il rosa utilizzando come base la matita di kiko della linea smart num. 714

________________________________________________________

*Le foto riportate sono state quotate utilizzando la ricerca di google, poichè non possiedo il MAC originale.

Home made: Struccante in mousse waterproof a base di olio di cocco (variante struccarlita)

Standard

Salve ragazze, dopo la ricettina dell’acqua micellare, voglio proporvi un’altra ricettina semplice per ottenere uno struccante con una efficacia maggiore, che ormai uso da un anno e del quale non potrei fare a meno. Ci troviamo sulla falsa scia di struccanti blasonati come “take the day off” di clinique o il “non ti scordar di me” di lush. Trovo questo prodotto estremamente pratico in quanto è sufficiente prelevarne poco con un dito e  passarlo sul viso con le mani come fosse una crema, data la sua consistenza in mousse, ed è capace di sciogliere anche il trucco waterproof più scuro e resistente senza dover insistere, non brucia gli occhi per niente, ed è comodo da portare in viaggio dentro una jar senza pericolo di sversamenti. 

Io lo rimuovo dal viso con una spugnetta umida. Poichè l‘ingrediente base è l’olio di cocco, a fine operazione, vi ritroverete la pelle morbidissima e vellutata, senza la necessità di passare una crema idratante post-detergenza, cosa che io ero puntualmente costretta a fare poichè tutti i detergenti viso mi lasciano la fastidiosissima sensazione di “pelle che tira”.

Non temete assolutamente l’untuosità!Questo prodotto è adatto a tutti i tipi di pelle, anche le piu problematiche, poichè viene rimosso con la spugnetta umida e contiene una % di detergente delicato, che permette di eliminare tutto l’olio in eccesso dal viso.

L’olio di cocco lo potete trovare nei negozietti di alimentari etnici a prezzi veramente irrisori, io prendo il baratt0lo da 500gr a 3€ e lo uso per tantissime cose (capelli, viso, corpo…). In questo periodo dell’anno  (da settembre a maggio) è solido, quando arriva il caldo torna liquido, ma può essere montato allo stesso modo, l’unica differenza in questo caso è che è necessario conservare lo struccante in frigo per fargli mantenere la “struttura” (e devo dirvi che è piacevole in estate passare qualcosa di fresco sul viso), mentre nel resto dell’anno potete tenerlo nel vostro mobiletto del bagno. Il suo “tempo di vita” è di circa 3-4 mesi (in realtà non so dirvi se si prolunga ancora poichè la dose che preparo la consumo in 40 giorni, utilizzandolo tutti i giorni)

Passiamo alla ricetta.

Gli ingredienti sono veramente pochi, come strumenti vi è necessario uno sbattitore elettrico o un aerolatte.

ingredienti

ingredienti

1 cucchiaio di olio di cocco solido  (4 cucchiai se è liquido)

– 1 cucchiaio di acqua minerale ( potete usare un idrolato preparato da voi o un tonico come ho fatto io. Per addolcirlo e avere una azione lenitiva, per qualche problema di pelle temporaneo, io sostituisco l’acqua con gel di aloe)

1 cucchiaio abbondante di detergente liquido delicato (potete usare qualsiasi detergente liquido del quale vi fidiate, io uso quello universale della Cien)

falcoltativi: colorante alimentare, acqua profumata (o fragranza o essenza) e un cucchiaino di amido di mais per fissarla.

Riponete il detergente e l’acqua (tonico) in un contenitore di vetro, e in un altro contenitore di vetro riponete l’olio. Bisogna portare le due fasi a una temperatura superiore alla temperatura ambiente (circa 40°C), senza arrivare a bollore, devono essere tiepidi e non scottare. Io utilizzo il microonde, ma potete benissimo ottenere lo stesso risultato lavorando a bagnomaria. L’olio di cocco solido ha bisogno di più tempo, poichè deve prima sciogliersi, sono sufficienti 2 min al microonde. Trascorso il primo minuto, infornate anche la fase acquosa che richiede circa un minutino per scaldarsi.

prima (sx) – dopo (dx)

Una volta scaldati, prendete una ciotola a sponde alte e versate l’uno nell’altro, mescolando delicatamente con un cucchiaio, in modo da evitare di formare una schiuma. Successivamente iniziate a montare con uno sbattitore a bassa velocità, inizierà a salire una schiuma, aumentando la velocità dello sbattitore otterrete un composto dalla consistenza simile agli albumi montati a neve, continuate per 1-2 minuti. Riponete la ciotola in freezer per 10-15 minuti.

varie fasi per montare la mousse

varie fasi per montare la mousse

Riprendete la ciotola e montate nuovamente alla massima velocità, vedrete che la mousse perde aria, riducendo il suo volume e prendendo una consistenza simile a uno yogurt.

A questo punto io ho aggiunto qualche goccia di colorante alimentare rosso, qualche spruzzata di acqua profumata (Avon naturals) di ibisco e lampone, un cucchiaino di amido di mais che serve ad assorbire e fissare il profumo, in questo modo durerà a lungo. Per profumarla potreste aggiungere solo una bustina di vanillina o una fialetta di aroma alimentare a scelta. Ricordo che tutti questi ultimi passaggi sono facoltativi!!!

Riponete nuovamente la ciotola in freezer per ulteriori 10-15 minuti, e montate ancora per 1-2 minuti cosicchè il composto prenda maggiore densità, lucidità e compattezza.

prima del freezer (senza colorante) - dopo 15 min in freezer (con colorante)

a sx: prima del freezer (senza colorante)                        a dx: dopo 15 min in freezer (con colorante)

Versate tutto in una jar. Io ho utilizzato la scatolina di un burro corpo di bottega verde che avevo terminato.

Riponete in freezer per 1 ora circa, in modo che si assesti per bene, ed ecco fatto.

160320132562

Provatelo e vi innamorerete!E’ più difficile da raccontare che da fare, ma è stata veramente una scoperta fantastica, pratica, efficace, idratante, economica e senza schifezze. L’ho regalato anche ad amiche e cugine nei vari pacchettini di Natale (e non) e lo adorano anche loro.

Ringrazio Carlitadolce per avermi permesso di sfruttare e “profumare” questa ricetta prendendo spunto dal suo struccarlita.

FOTD #1: blue&sparkle green

Standard
FOTD #1

FOTD #1

Prodotti utilizzati per

a) base:

fluido preparatore :mattifying cream ai frutti rossi, essence MySkin

primer viso: prime and fine smoothing refiner, catrice

correttore: fondotinta in mousse, essence Pure Skin, colorazione sand

fondotinta: Calming Effect Illuminating Foundation, Avon, colorazione ivory

cipria: fix&matt, essence

terra: sunclub for blondes lighter skin, essence

blush: blusher, H&M, colorazione Dazzling Peach

b) occhi:

matita sopracciglia: eyebrow designer, essence, colorazione 02 brown

base occhi: I love stage, essence; matita bianca, avon color trend

basi colorate: long lasting stick eyeshadow, KIKO, colorazioni 17(blu), 10(verde)

ombretti: colour sphere eyeshadow 02, KIKO; colour sphere DUO eyeshadow 109(blu), KIKO; eyeshadow alta pigmentazione 109(verde matt), KIKO; eyeshadow alta pigmentazione 128, KIKO

– glitter verdi + body glue, no brand

eyeliner: gel eyeliner nero, essence; long lasting stick eyeshadow 10,KIKO

mascara: maximum definition volume mascara, essence; mascara top coat allungante,KIKO

c) labbra:

matita labbra: Kajal pencil 19.all I want, essence

rossetto: smart lipstik 96, KIKO

Ultimi regali di Natale: Grattini scrub idratanti

Standard

Eccomi qui in tenuta casalinga con pigiamone felpato e calzettoni, da vera domenica invernale pre-natalizia.

Sto confezionando gli ultimi regalini che distribuirò al pranzo di Natale alle femminucce di famiglia: zie, cugine, cognate di tutte le età, che sicuramente gradiscono una coccola sfiziosa  e profumata da utilizzare nei momenti di relax che tendiamo a dedicarci in questo periodo dell’anno.

Mimano un po un prodotto di lush e sono anche allineati alla tendenza dei brand commerciali che stanno proponendo olio secco da bagno, bagno-crema e balsami idratanti senza risciacquo sotto la doccia, per le più pigre, che possono saltare il passaggio della crema idratante.
L’idea di preparare con le mie mani il pensierino di Natale secondo me conferisce al regalo un valore aggiunto, apprezzato dalla persona che lo riceve, in quanto riconosce il tempo dedicato espressamente a lei per la realizzazione del “pensiero”.

Veniamo al punto: sto realizzando degli scrub naturali idratanti, porzionati in palline mono-uso, ognuna aromatizzata differentemente, per venire incontro a vari gusti..e anche alla voglia di cambiare.

Occorrente per 3 palline scrub:

– 3 cucchiaini di burro di karitè
– 3 cucchiaini di olio di cocco
– 1 cucchiaio di sale fino da cucina
– 1 cucchiaio di amido di riso (o farina)
– qualche cucchiaio di agente scrubbante
– aroma alimentare a scelta (opzionale)

In particolare come agenti-scrub ho utilizzato la farina di cocco, la farina di mais, e i fondi di caffè asciutti (che rimangono ancora profumatissimi!). In questo modo ho potuto differenziare in capacità esfoliante, in colore e fragranza le mie “coccole”.

Fate sciogliere a bagnomaria olio e burro, aggiungete a questo punto il cucchiaio di sale e il cucchiaio di amido di riso. Io ho usato l’amido di riso perchè ha una azione lenitiva e disinfiammante, oltre la capacità di addensare, che è quella espressamente richiesta dal caso, quindi potete sostituirlo con amido di mais/fecola o anche normale farina zero o di riso.
Ottenuta la pappetta aggiungere qualche cucchiaio del vostro agente-scrub fino ad ottenere una consistenza molto corposa e plastica, da riuscire a modellare con le mani…in una polpettina, che rotolerete sulla polvere scrub per dare una finitura granellata, come fosse un dolcetto.
Lasciate raffreddare fino a indurimento e confezionate, io ho utilizzato cartaforno e spago.

grattini scrub

Non ho utilizzato aromi aggiunti nelle palline ottenute con farina di cocco e con caffè in quanto risultano già molto profumate, per  le palline ottenute con la farina di mais ho aggiunto una stecca di cannella sbriciolata in scaglie.

Ecco il risultato degli scrubbini monouso confezionati nei pacchetti regalo in bustine di organza insieme a balsami labbra,profumi solidi e qualche cioccolatino.

confezioni

Li ho già testati più volte e generalmente li porto in viaggio con me perchè hanno la comodità di essere solidi (niente pericolo sversamento o problemi in aereo) e la praticità di non dover usare una crema corpo, basta passarli dopo la doccia, quando si è ancora nel box e risciacquare con acqua. La pelle resta vellutata e idratata.

Impacco per capelli con la maionese

Standard

Sapete che sperimento spesso impacchi home-made per la cura dei capelli, ma avendo sempre meno tempo cerco di utilizzare cose “pronte” cercando di sfruttare sempre le proprietà naturali degli ingredienti.

Questo mese è stato il turno della maionese!!!

Può sembrare insolito ma se ci riflettete un attimo vi renderete subito conto che è un concentrato di tutti i prodotti che le nostre nonne hanno sempre usato per curare le loro chiome!

uova: la storia infinita del tuorlo d’uovo sbattuto per rinvigorire i capelli chi non l’ha mai sentita? tutte però ci ritraiamo a causa dell’odore forte che lascia, della difficoltà a trovare la dose giusta! Eppure il tuorlo d’uovo è ricco di lecitina e di vitamine che riescono a rivitalizzare anche i capelli più secchi: dopo pochi trattamenti si inspessiscono e diventano più forti.

aceto e limone: venivano usati dalle nostre nonne per sgrassare l’eccesso del sapone di marsiglia che usavano come shampoo e ristabilire il pH della chioma. L’aceto e il limone, opportunamente diluiti in acqua ( per evitare secchezza) conferiscono spiccata lucentezza ai capelli.

olio: forse l’impacco più usato per mantenere l’idratazione propria del capello, aiutandolo a resistere a stress esterni, aiuta a condizionarli e a proteggere e nutrire il cuoio capelluto e quindi a far crescere capelli sani.

Vi basta per capire? Tutte queste proprietà sono concentrate nella maionese che si presenta come una emulsione cremosa facile da trattare e spalmare sui capelli senza difficoltà e senza dover adoperarsi in preparazioni casalinghe, l’unico sforzo è quello di aprire il frigo…

Io ho i capelli di media lunghezza e ne uso un cucchiaio da minestra abbondante, lo passo sulle lunghezze e massaggio il cuoio capelluto. Lascio in posa 20 minuti circa e poi procedo con lo shampoo.

Provateci! Almeno una volta…per pura curiosità.

Ps- esiste anche la mayonese allo yogurt…ancora meglio! 😀

Contorno occhi secco? Il salva-inverno

Standard

Buongiorno a tutti! Oggi è la prima domenica di questo autunno nella quale riesco a rilassarmi un pò, ho finito la trafila per l’esame di abilitazione ( e mi sono abilitata yeaaaaah) quindi eccomi qui a dedicarmi alle mie passioni.

In questo ultimo mese di freddo, e di stress, dove mi capitava di rifare anche due volte al giorno la base, il mio contorno occhi si era sciupato tantissimo, era molto disidratato e tendeva a segnarmi le fastidiosissime rughette. Nella mia routine uso ormai da tre anni il contorno-occhi della ISEREE ( lo trovate da lidl a 2,49€), ma non era più sufficiente, nonostante lo applicassi 3 volte al giorno.

Finito uno dei top-coat di essence e lavata la boccetta per recupero e futuri utilizzi, mi è venuta una ideona, che condivido subito qui con voi. Ho creato una miscela di oli vegetali che avevo in casa, molto nutrienti, idratanti e distensivi, perfetti per il contorno-occhi anche perchè anti-age.

Andiamo con ordine:

Ho preparato 6 ml di olio ricco, semplicemente miscelando:

– 2ml di olio di mandorle dolci (provenzali)
– 2ml di olio di jojoba (forsan)
– 2ml di olio di germe di grano (Erboristica Athena’s)

La boccettina di smalto mi è molto utile, grazie al suo pennellino, vado proprio ad applicare grossolanamente il prodotto sul contorno occhi e nelle fossette agli angoli della bocca, molto velocemente e senza ungermi le mani (in alternativa potreste usare un roll-on in vetro di un vecchio lucidalabbra). Successivamente prendo la mia crema viso e la massaggio per bene distribuendo nelle zone critiche l’olio precedentemente applicato.
Utilizzo questa routine da quasi tre settimane e sono estremamente soddisfatta dei risultati!! Ho il contorno-occhi disteso, morbido, resistente agli attacchi del freddo e allo stress trucco-strucco, e le mie tasche ringraziano.

Applico l’olio la mattina insieme alla crema da giorno (avon care antiage) e la sera insieme alla crema da notte (effetto seta di bottega verde) . Se mi capita di dovermi ritruccare durante la giornata lo stendo insieme alla base trucco (essence my skin viola opacizzante).
Se non avete a disposizione tutti gli oli citati potete provare anche solo con uno di essi (penso che quasi tutte voi abbiate almeno l’olio di mandorle in casa). Potete provare ad applicarlo solo nella fase di preparazione al trucco.

Vi consiglio sempre di non applicare l’olio puro sulla pelle perchè, dopo qualche applicazione, avrete l’effetto contrario all’idratazione. Gli oli devono essere sempre veicolati con acqua. Se non mettete la crema, basta avere la pelle leggermente inumidita ( di semplice acqua, o tonico). In particolare questo è necessario per tutti coloro che soffrono di borse, l’olio puro promuove la stasi dei liquidi e causa ritenzione, favorendo la formazione di borse, specialmente durante la notte. Inumidite sempre la pelle prima di applicare un olio e per godere a pieno di tutte le sue proprietà.