Archivio mensile:marzo 2013

Dupe low cost di “snob” di MAC

Standard

Snob è uno dei rossetti satìn, della gamma permanente di MAC, tra i più discussi. E’ un rosa con sottotono ciclamino, con finish opaco, che non si adatta allo stesso modo a tutte le carnagioni.

snob di MAC *

snob di MAC *

E’ una tonalità che mi piace moltissimo, ritengo che sulle ragazze dalla pelle e capelli chiari (come me) doni un aspetto chic sofisticato da giorno; sulle ragazze dalla pelle olivastra e più scura credo che sia da usare la sera con dei look strong da “clubbing”.

tono caldo -  tono freddo *

tono caldo* – tono freddo *

Proprio per questa difficoltà nell’adattarlo all’incarnato spesso si è diffidenti nell’acquistarlo a scatola chiusa (spesso online), e il prezzo dei rossetti MAC non è per tutte le tasche, quindi sono partita alla ricerca di un rossetto che possa avvicinarsi a Snob.

Credo di averlo trovato, almeno, ritengo che sia molto simile l’effetto sul mio colore di labbra / incarnato: si tratta di Violet Friday della Linea Permanente Color Trend di Avon. I rossetti di questa linea, completamente rinnovata di recente, si chiamano Kiss ‘n Go, ne possiedo diversi e li promuovo tutti in durata e pigmentazione, prossimamente dedicherò a loro un post, ma ritorniamo all’oggetto del nostro discorso:

con flash - con luce naturale*

con flash(non spaventatevi!) – con luce naturale*

Il packaging ricorda quello dei rossetti di elf vecchia maniera, l’astuccio è bianco con la serigrafia del marchio e dalla fascetta trasparente centrale è possibile riconoscere il colore.

Il prezzo è di circa 6€, ma io l’ho acquistato in offerta a 2,50€  (Avon ripropone spesso offerte promozionali del genere)

La reperibilità è correlata alla possibilità di avere una rappresentante Avon a portata di mano, potete ricercare sul sito ufficiale di Avon quella più vicina a voi.

205 - violet friday -714

205 – violet friday -714

Riesco a sfruttare il sottotono violaceo se uso come base la matita di kiko della linea smart num. 205  oppure esalto il rosa utilizzando come base la matita di kiko della linea smart num. 714

________________________________________________________

*Le foto riportate sono state quotate utilizzando la ricerca di google, poichè non possiedo il MAC originale.

Annunci

Review: MUA pearl eyeshadows

Standard

Questo post è dedicato agli ombretti mono della linea pearl della MUA (MakeUpAccademy), un brand inglese da drugstore, che vende in Italia tramite il proprio sito : http://www.muastore.co.uk/

Il prezzo è veramente invitante, ogni ombretto costa 1 sterlina, ma spesso si trovano in promozione grazie a diverse iniziative di MUA, che potete seguire anche tramite la loro pagina fan su facebook. Io ho acquistato questi prodotti durante la promozione con lo sconto del 50%, ho pagato con paypal, ho ricevuto i prodotti dopo 2 settimane dell’ordine per mezzo di posta semplice (spesa gratuite), è possibile una spedizione tracciabile per chi vuole maggiori certezze.

Il packaging è semplice ed essenziale, la copertura trasparente permette di individuare i diversi ombretti grazie alla possibilità di vedere il colore. Ogni cialdina contiene 2g di polvere e il PAO è di 12 mesi (ma figuriamoci se butto le polveri dopo 1 anno…). Ho depottato tutte le cialdine con facilità, preferisco tenere gli ombretti in pallettes.

Gli ombretti in mio possesso sono 10 e sono tutti appartenenti alla linea pearl. Sono tutti estremamente scriventi e hanno una texture cremosa molto piacevole e aderente. Li ho sempre usati con base per prolungarne la durata. La sfumabilità non è eccellente, devono essere lavorati bene.

In conclusione li consiglio sicuramente, per il prezzo che hanno, le prestazioni sono elevate. VOTO:8

In dettaglio:

MUA pearl eyeshadow

MUA pearl eyeshadow:1-11-24-12-3-9-13-10-14-15

Prima fila in alto da sx -> dx:

shade 1: bianco perlato dorato, ottimo come punto luce

shade 2: bronzo caldo intenso (lo adoro)

shade 3: rame shimmer con sottotono rosa (splendidoooo *_*)

shade 12: marrone rossiccio con riflessi verdi (dupe del più famoso CLUB di MAC)

shade 3: acciaio shimmer

 

Seconda fila in basso da sx -> dx:

shade 9: viola shimmer con riflessi azzurri e blu, molto particolare

shade 13: viola scuro con riflessi blu, lo definirei un color inchiosto

shade 10: blu avio perlato, insolito

shade 14: verde scuro in base nera, bellissimo su gli occhi nocciola

shade 15: grigio molto scuro, quasi nero, ottimo per intensificare la profondità dell’occhio e per fissare la matita nera.

swatches

swatches

Home made: Struccante in mousse waterproof a base di olio di cocco (variante struccarlita)

Standard

Salve ragazze, dopo la ricettina dell’acqua micellare, voglio proporvi un’altra ricettina semplice per ottenere uno struccante con una efficacia maggiore, che ormai uso da un anno e del quale non potrei fare a meno. Ci troviamo sulla falsa scia di struccanti blasonati come “take the day off” di clinique o il “non ti scordar di me” di lush. Trovo questo prodotto estremamente pratico in quanto è sufficiente prelevarne poco con un dito e  passarlo sul viso con le mani come fosse una crema, data la sua consistenza in mousse, ed è capace di sciogliere anche il trucco waterproof più scuro e resistente senza dover insistere, non brucia gli occhi per niente, ed è comodo da portare in viaggio dentro una jar senza pericolo di sversamenti. 

Io lo rimuovo dal viso con una spugnetta umida. Poichè l‘ingrediente base è l’olio di cocco, a fine operazione, vi ritroverete la pelle morbidissima e vellutata, senza la necessità di passare una crema idratante post-detergenza, cosa che io ero puntualmente costretta a fare poichè tutti i detergenti viso mi lasciano la fastidiosissima sensazione di “pelle che tira”.

Non temete assolutamente l’untuosità!Questo prodotto è adatto a tutti i tipi di pelle, anche le piu problematiche, poichè viene rimosso con la spugnetta umida e contiene una % di detergente delicato, che permette di eliminare tutto l’olio in eccesso dal viso.

L’olio di cocco lo potete trovare nei negozietti di alimentari etnici a prezzi veramente irrisori, io prendo il baratt0lo da 500gr a 3€ e lo uso per tantissime cose (capelli, viso, corpo…). In questo periodo dell’anno  (da settembre a maggio) è solido, quando arriva il caldo torna liquido, ma può essere montato allo stesso modo, l’unica differenza in questo caso è che è necessario conservare lo struccante in frigo per fargli mantenere la “struttura” (e devo dirvi che è piacevole in estate passare qualcosa di fresco sul viso), mentre nel resto dell’anno potete tenerlo nel vostro mobiletto del bagno. Il suo “tempo di vita” è di circa 3-4 mesi (in realtà non so dirvi se si prolunga ancora poichè la dose che preparo la consumo in 40 giorni, utilizzandolo tutti i giorni)

Passiamo alla ricetta.

Gli ingredienti sono veramente pochi, come strumenti vi è necessario uno sbattitore elettrico o un aerolatte.

ingredienti

ingredienti

1 cucchiaio di olio di cocco solido  (4 cucchiai se è liquido)

– 1 cucchiaio di acqua minerale ( potete usare un idrolato preparato da voi o un tonico come ho fatto io. Per addolcirlo e avere una azione lenitiva, per qualche problema di pelle temporaneo, io sostituisco l’acqua con gel di aloe)

1 cucchiaio abbondante di detergente liquido delicato (potete usare qualsiasi detergente liquido del quale vi fidiate, io uso quello universale della Cien)

falcoltativi: colorante alimentare, acqua profumata (o fragranza o essenza) e un cucchiaino di amido di mais per fissarla.

Riponete il detergente e l’acqua (tonico) in un contenitore di vetro, e in un altro contenitore di vetro riponete l’olio. Bisogna portare le due fasi a una temperatura superiore alla temperatura ambiente (circa 40°C), senza arrivare a bollore, devono essere tiepidi e non scottare. Io utilizzo il microonde, ma potete benissimo ottenere lo stesso risultato lavorando a bagnomaria. L’olio di cocco solido ha bisogno di più tempo, poichè deve prima sciogliersi, sono sufficienti 2 min al microonde. Trascorso il primo minuto, infornate anche la fase acquosa che richiede circa un minutino per scaldarsi.

prima (sx) – dopo (dx)

Una volta scaldati, prendete una ciotola a sponde alte e versate l’uno nell’altro, mescolando delicatamente con un cucchiaio, in modo da evitare di formare una schiuma. Successivamente iniziate a montare con uno sbattitore a bassa velocità, inizierà a salire una schiuma, aumentando la velocità dello sbattitore otterrete un composto dalla consistenza simile agli albumi montati a neve, continuate per 1-2 minuti. Riponete la ciotola in freezer per 10-15 minuti.

varie fasi per montare la mousse

varie fasi per montare la mousse

Riprendete la ciotola e montate nuovamente alla massima velocità, vedrete che la mousse perde aria, riducendo il suo volume e prendendo una consistenza simile a uno yogurt.

A questo punto io ho aggiunto qualche goccia di colorante alimentare rosso, qualche spruzzata di acqua profumata (Avon naturals) di ibisco e lampone, un cucchiaino di amido di mais che serve ad assorbire e fissare il profumo, in questo modo durerà a lungo. Per profumarla potreste aggiungere solo una bustina di vanillina o una fialetta di aroma alimentare a scelta. Ricordo che tutti questi ultimi passaggi sono facoltativi!!!

Riponete nuovamente la ciotola in freezer per ulteriori 10-15 minuti, e montate ancora per 1-2 minuti cosicchè il composto prenda maggiore densità, lucidità e compattezza.

prima del freezer (senza colorante) - dopo 15 min in freezer (con colorante)

a sx: prima del freezer (senza colorante)                        a dx: dopo 15 min in freezer (con colorante)

Versate tutto in una jar. Io ho utilizzato la scatolina di un burro corpo di bottega verde che avevo terminato.

Riponete in freezer per 1 ora circa, in modo che si assesti per bene, ed ecco fatto.

160320132562

Provatelo e vi innamorerete!E’ più difficile da raccontare che da fare, ma è stata veramente una scoperta fantastica, pratica, efficace, idratante, economica e senza schifezze. L’ho regalato anche ad amiche e cugine nei vari pacchettini di Natale (e non) e lo adorano anche loro.

Ringrazio Carlitadolce per avermi permesso di sfruttare e “profumare” questa ricetta prendendo spunto dal suo struccarlita.