Archivio mensile:novembre 2012

Haul Coin: smalti essence edizione limitata in sconto O_o

Standard

Salve fanciulle,

oggi dopo una delle prove dell’esame di stato, tornando verso casa ho deciso che volevo farmi un regalino consolatorio. Sono andata da Coin alla ricerca del nuovo ombretto in crema di Catrice Mauvie Star ( che è il dupe un pò meno brillantinoso di Illusoire di Chanel) ma di lui non vi è traccia ;_; lo sto puntando da quando è uscito…ma niente :/
Mi sono diretta allo stand essence per guarducchiare, non volevo prendere nulla …e invece trovo un cesto pieno di prodotti per unghie delle edizioni limitate, dalle vecchissime tipo REBELS alle più recenti come SWEET HOME, con prezzo di saldo 1,99€.
E niente…non ho resistito.

 

collezione Home sweet Home:  04 berry me home, classico color ciliegia laccato che mi piace molto per tutte le stagioni
collezione Cherry Blossom: 01 fortune cookie, giallo carico con perlescenze oro (ai tempi del mimosa ci avrebbe fatto impazzire), molto coprente e con pennello piatto
collezione Twilight breaking dawn: 04 Edward’s love, nero ricco di glitter oro e multicolor ( che un po si perdono una volta steso), rimangono visibili solo i glitter oro.

Ho aggiunto al mio bottino un nuovo color&go con un bellissimo effetto duo-chrome: 122 chic reloaded. Ha una base grigio scuro, metallizzata viola e piena di glitter verdi. E’ un colore molto simile a uno smaltino di Deborh pret a porter di qualche collezione passata: il carpe diem.

 

122 chic reloaded

 

NAOTD #10: Burberry style

Standard

Che periodaccio!!! sono sparita, lo so, ma sono impegnata con le varie fasi dell’esame di abilitazione alla professione, più il lavoro, più prospettive per il futuro(?) da inventarsi e ho avuto poco tempo per tutto…anche per me.
Non vedo l’ora che passi questo momento che mi sta servendo anche come scusa per evitare di fare shopping pre-saldi, e sto smaltendo vari prodottini che ho in casa….dei quali presto vi parlerò.

Oggi invece vi descrivo queste unghie, che possono essere riproposte con altri accoppiamenti di colore.

Dopo la solita base attiva crescita, ho steso uno smalto glam nude di essence. Con un pennello da nail art sottile ho segnato prima una croce, un po decentrata rispetto al centro dell’unghia, con uno smalto bianco e ne ho ripassato i bordi con uno smalto nero. Con uno smalto rosso ho tracciato una croce all’altro angolo dell’unghia.

Avevo lasciato inizialmente le altre unghie nude, ma non mi sentivo soddisfatta, così ho realizzato delle croci (sempre decentrate) con uno smaltito glitter-oro per nail art di essence.

Top coat e via..

Acqua micellare home-made, super low-cost

Standard

Mi sono sempre arrabbiata e ho sempre combattuto questo nuovo marketing delle “acque micellari” considerate come nuove pozioni magiche, che risolvono i problemi del mondo….e che costano a peso d’oro. Un costo ingiustificato per me che so cosa significa “micellare” e quindi in cosa consiste un’acqua micellare.

Voglio chiarire anche le vostre idee, prima di passare alla ricetta.

Le micelle sono le strutture supramolecolari che producono tutti i tensioattivi quando vengono aggiunti all’acqua, oltre una certa concentrazione, che si chiama appunto concentrazione micellare critica (cmc). E’ un processo di auto-assemblaggio delle molecole di tensioattivo, che devono essere immaginate come dei bruchi: con una testa polare e un lungo corpo serpentoso non polare. Quando raggiungono la CMC in acqua, si assemblano formando delle sferette, posizionando i loro corpi all’interno della sfera e le loro teste sulla superficie della sfera, in questo modo riescono a mantenersi stabili, e a “sciogliersi” in acqua.

 

micella

 

Proprio questa capacità conferisce le proprietà pulenti, perchè quando incontrano lo sporco, esso viene inglobato all’interno delle sferette, dove trova un ambiente più affine a sè, ed eliminato con il lavaggio. In sostanza, quindi, un’acqua micellare è una “emulsione” di tensioattivi in acqua...acqua e sapone per intenderci, per questo non ne giustifico assolutamente i costi spropositati.

Proviamo a riprodurre in casa una emulsione micellare:

acqua distillata (o infuso di erbe, o idrolato, o tonico)
tensioattivo (detergente delicato: shampoo, detergente intimo, bodywash Cien)
additivi facoltativi (gel di aloe, glicerina, gel di acido ialuronico)

 

In 100 ml di acqua, io nello specifico ho usato l’acqua di rose della Roberts, ho aggiunto 2 cucchiaini di detergente Cien body-wash e mezzo cucchiaino di gel di aloe 98% dell’Equilibra. Miscelate bene e versate in una bottiglietta, plastica o vetro è indifferente. Io ho usato una vecchia bottiglietta di solvente per unghie, ovviamente ben lavata.

 

La vostra acqua micellare economicissima e fatta in casa è pronta.

Ho provato a usarla per struccare i make-up da giorno, tornando da lavoro. Mascara e matite scure li toglie senza problemi, più avanti vi aggiornerò sulle prestazioni relative ai trucchi water-proof e smokey.

NAOTD #9: lace nails

Standard

Tra le mie scatole di smalti ho ribeccato uno vecchio smalto di kiko comprato diversi anni fa, il numero 303: è un nude tortora  pieno di microglitter dorati. L’effetto è di una colata metallica, con tono freddo, mi piace abbastanza.

Ho deciso di indossarlo perchè volevo un colore facilmente abbinabile e che durasse a lungo senza dove rifare dopo poco la manicure. Però dopo averlo addosso su tutte le unghie, tutte uguali, per un giorno interno…mi sentivo come se mancasse qualcosa…una tristezza…

Così con un pennellino sottile e un po di colore acrilico nero ho realizzato sull’anulare la trama di un merletto. Si può utilizzare in sostituzione uno smalto nero con pennellino sottile, o aiutandosi con uno spillo o stuzzicadenti.

 

lace nails

 

L’effetto è davvero carino e non è nemmeno complicato riprodurlo.

Basta realizzare una rete con delle strisce oblique, fino a metà dell’unghia. Ho riempito random alcuni dei rombi per rendere più realistica la trama. Poi ho realizzato delle lunette sul bordo superiore, tracciando dei semicerchi chiusi sul bordo della rete. Dentro ogni lunetta ho disegnato un pallino con la punta del pennello (si può usare un dotter o qualsiasi altra cosa con punta). Lungo il bordo esterno della lunetta ho disegnato tanti pallini ravvicinati, più piccoli dei precedenti, per realizzare l’effetto di rifinitura del merletto.

Una passata di top coat e via…